La Consultazione del 23 febbraio scorso n. 72/2021/R/rif dell’’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), sui primi orientamenti per la regolazione della qualità del servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati, prosegue con la strategia di forte cambiamento messa in atto già con l’introduzione delle delibere 443/2019 e 444/2019. Il documento – commenta sull’ultimo numero della Guida alla Sicurezza di Viasat Group Luca Moretti, CEO GreeNext (società del Gruppo Viasat)  –  evidenzia chiaramente la volontà dell’ente di Regolamentazione di tutelare il consumatore del servizio, attraverso la gestione e misurazione delle prestazioni erogate, garantendo quantità, qualità e trasparenza. Incentivare il miglioramento dei servizi di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti, armonizzare le condizioni nel Paese, garantire a più livelli obblighi di trasparenza delle informazioni agli utenti: sono questi i principi basilari delle nuove regole. Eventuali variazioni tariffarie, ora potranno essere giustificate solo in presenza di miglioramenti di qualità del servizio o per l’attivazione di servizi aggiuntivi per i cittadini, contemplando sempre la sostenibilità sociale delle tariffe e la sostenibilità ambientale del ciclo industriale, nel rispetto degli equilibri della finanza pubblica locale. Appare quindi chiaro un cambio totale del paradigma delle regole di base che hanno caratterizzato e regolato, sino ad oggi, l’intero ciclo di gestione dei rifiuti. L’utenza è il nuovo principale stakeholder, garantendo verso quest’ultimo la gestione, la misurazione e la garanzia delle prestazioni e servizi erogati.

Misurare la quantità e la qualità nel ciclo di gestione rifiuti è un esercizio molto complesso specie in un settore che ha guardato all’innovazione tecnologica unicamente nella direzione di soddisfare il day-by-day, fortemente mirato dal passaggio al sistema puntuale e limitato nella gestione ordinaria. Nel tempo, infatti, sono stati tralasciati elementi importanti come univocità dei dati, basi tecnologiche dei sistemi acquisiti e infrastrutture idonee a supporto. La scelta della soluzione informatica raramente ha tenuto conto di tali elementi quando invece le informazioni sono il patrimonio delle aziende, un patrimonio che deve essere messo al centro della gestione dei processi.

Il quadro è sicuramente articolato. Infatti, siamo davanti alla sommatoria di tanti elementi, tanti processi e diversi soggetti. Queste novità ci hanno spinto ad arricchire la piattaforma WMS, concepita per la gestione dei processi dell’intera filiera ambientale, con la soluzione WMS ARERA, dedicata alla misurazione, al monitoraggio dei servizi in real time e di tutti gli elementi previsti dalla delibera TITR 444/19 di ARERA e dalle linee guida della consultazione sulla qualità del servizio, tesi al rispetto della carta dei servizi che ogni amministrazione comunale deve prevedere e alla comunicazione trasparente dei dati verso gli utenti.

Tra le funzionalità principali, a disposizione del gestore per rispondere agli standard di qualità, quantità e di efficienza di tutti gli indicatori, troviamo la gestione della comunicazione dei dati trasparente verso gli utenti; la creazione di indicatori di performance per ogni servizio (KPI); la definizione di livelli di servizio minimi (SLA); l’elaborazione di dashboard funzionali ed evolute in real time. Dunque, un sistema unico e ibrido ERP/IOT che permette di coprire l’intera filiera, fino alla gestione della Tariffa Puntuale, sviluppato sulla base delle ultime tecnologie e servizi Cloud AWS, di cui siamo technology partner, affiancato dai servizi e dalla qualità Viasat.

In futuro assisteremo a cambi repentini di regolamenti, aggiunta di servizi e dati da monitorare che andranno ulteriormente a innalzare la complessità e sostenibilità delle organizzazioni dei gestori ambientali e della loro capacità di gestire, in modo snello tali processi. Quello che ci apprestiamo ad affrontare sarà un periodo ricco di cambiamenti e nuove sfide. L’universo dei servizi Viasat sta evolvendo rapidamente per dare maggiore supporto a tutti i nostri clienti nella Waste Digital Transformation. Con queste soluzioni sarà oggi possibile contare su un unico partner, un unico referente, un unico responsabile per la gestione completa dei processi dell’intera filiera dei servizi ambientali. Un modello certamente replicabile anche a livello internazionale, grazie alla forte presenza del Gruppo, diretta o tramite partner e rivenditori, in numerosi paesi europei.

Scarica la nuova edizione della Guida alla Sicurezza: 
https://media.viasatgroup.it/docs/yu_magazine/21-21-GaS_2021_22.pdf

Non ci sono post correlati.