Tariffazione Puntuale. A Bruxelles la Prima Bozza del Progetto da parte del Gruppo di Lavoro Operate

Di Simona Iapichino, Marketing Coordinator Anthea

Passi importanti per l’Europa nella sua ambizione di raggiungere un’economia circolare attraverso lʼadozione di nuove regole per la raccolta differenziata, il riciclaggio dei rifiuti e lʼapplicazione della Tariffazione Puntuale PAYT (Direttiva Europea 2008/98/CE).

Quest’ultima prevede il calcolo della tariffa non più basato esclusivamente su costi fissi, ma alla reale produzione di rifiuto conferito dallʼutente che “paga per quanto produce”. Lo scorso 21 novembre si è tenuta la public discussion a cui ha partecipato il gruppo di lavoro OPERATE – Osservatorio Nazionale Ambiente Misurazione e Tariffa Rifiuti. Sono intervenuti, tra gli altri, Luca Moretti, Vice presidente di Anthea, e Gianni Barzaghi, CEO di Datamove, entrambe società del Gruppo Viasat. È stata discussa la bozza dei lavori per la redazione di un toolkit con coaching, come base per l’applicazione della PAYT in Europa. La discussione si è tenuta davanti ai rappresentanti della Commissione Eu, EUROCITIES, membri della partnership sullʼEconomia Circolare, la Città di Oslo ed altri stakeholders. Si è trattato del penultimo passo prima della consegna dei lavori e discussione finale, prevista per il mese di marzo o aprile prossimi, a Oslo. Uno dei punti chiave emerso è stato il tema cruciale dei sistemi ERP e delle tecnologie IoT nellʼapplicazione della PAYT conforme al modello Smart City. Nonostante il concetto di Smart City travalichi la dimensione tecnologica, è oggettivo che le tecnologie digitali giochino un ruolo chiave nella realizzazione delle città intelligenti e, quindi, di quei sistemi in grado di ridistribuire informazioni. Tra queste il paradigma dellʼIoT sta acquisendo sempre più chiaramente una posizione di rilievo, con ambiti di applicazione molto variegati: dalla Gestione della viabilità al Trasporto pubblico, dalla Raccolta rifiuti alla Sicurezza, dal Monitoraggio ambientale al Monitoraggio del territorio. Questi elementi pongono lʼattenzione ai sistemi informativi ERP Ambientali di gestione dei processi di aziende o Municipalità e agli strumenti IoT di misurazione dei servizi che, assieme a elementi come infrastrutture Cloud e Big Data, consentono la corretta applicazione della Tariffazione Puntuale.
Tutto ciò rafforza il posizionamento sul mercato italiano ed estero, nonché lʼincremento del business delle società Anthea e Datamove.
All’esperienza delle due società si è aggiunto anche il know how tecnologico di Viasat per dare vita alla suite WMS – Waste Management Solutions, per la gestione completa dellʼintera filiera dei servizi ambientali e del waste management.

Se ti piace, condividi!