Viasat? Un soggetto di rilevanza planetaria

Viasat rilevanza planetaria

Intervista con Massimo Getto, Vice Presidente e CFO, VIASAT GROUP

Sorprendere la crisi rilanciando il proprio business. Rafforzare ulteriormente una riconosciuta leadership di mercato grazie a una strategia di ampio respiro e a una visione di lungo periodo. In una parola, internazionalizzare. Questa la scelta di Viasat, figlia di una strategia che ha portato il Gruppo a focalizzarsi sui principali mercati di riferimento della telematica satellitare in Italia (assistenza e protezione dal furto per i clienti consumer, soluzioni e servizi per le compagnie assicurative, sistemi evoluti per la gestione flotte aziendali e nel trasporto merci e persone) e replicare questo modello italiano nei Paesi europei più interessanti.

Quali sono le dinamiche in atto nel mercato dell’infotelematica?

Come sappiamo il Gruppo Viasat è attivo nel mercato dell’infotelematica e dall’evoluzione e dalla dinamica di sviluppo di questo mercato ne è vincolata. Il mercato di riferimento è caratterizzato da una fase di significativa concentrazione, i soggetti più piccoli e meno capaci di sostenere gli investimenti necessari per essere competitivi escono dal mercato, si fondono con altri soggetti o vengono acquisiti. Il 2015 è stato l’anno record per quanto riguarda le operazioni di merger & acquisition ed i prossimi anni sono destinati a superare questo primato. Siamo, dunque, in presenza di dinamiche caratteristiche di mercati molto competitivi e con alti margini. Da una pluralità di soggetti che hanno preso parte alla fase pionieristica della nascita del mercato a pochi grandi soggetti che si dividono il mercato globale.

A cosa porterà questa fase di consolidamento?

Inizierà un robusta concorrenza sul prezzo, già in parte presente, che porterà in modo sempre più significativo al deterioramento dei margini caratteristici e solo quei soggetti che saranno in grado di individuare fin da ora nuovi paradigmi di crescita, nuovi servizi, potranno uscire dalla fase di declino per cogliere nuove opportunità e rinvigorire il ciclo di vita delle loro organizzazioni. Secondo i dati di cui disponiamo il Gruppo Viasat è quinto a livello globale per quanto riguarda l’insurance telematics e, con gli sviluppi programmati per l’anno in corso, si appresta a divenire il dodicesimo a livello globale per quanto riguarda il fleet managment ed il terzo in Europa. Siamo già dunque un soggetto di rilevanza planetaria e tuttavia ancora con significative possibilità di crescita e di sviluppo.

Un contesto stimolante, quello descritto che richiede..?

Richiede compagni di viaggio esperti e lungimiranti. Solo una comunicazione finanziaria forte, trasparente ed efficace può garantire questo collante con le diverse realtà e soggetti che nel mondo dialogano ed interagiscono quotidianamente con Il Gruppo Viasat. Una comunicazione che dimostri che l’impresa considera con serietà la sostenibilità nel lungo periodo, facendone un elemento chiave della sua strategia, diminuisca i rischi reputazionali e la posizioni come leader e innovatrice proiettando le aspettative di successo.

In questa prospettiva si inserisce la scelta di abbracciare il programma Elite di London Stock Exchange e di Borsa Italiana?

Certamente. Questo è necessario per confrontarci con le aziende eccellenti del nostro paese e dell’intera Europa ed imparare dalle loro best practice, per irrobustire la nostra solidità culturale ed essere pronti ad affrontare il mercato dei capitali in Borsa, per continuare a crescere a ritmi più sostenuti e con l’ambizione di diventare sempre più protagonisti a livello globale nel nostro mercato di riferimento. Per offrire ai nostri stakeholders, e tra i primi ai nostri collaboratori, un luogo stimolante e dinamico dove impiegare le loro energie ed il loro talento, per scrivere assieme i prossimi 40 anni delle nostra storia, sfidando un mercato così complesso e dinamico.

[English Version]

VIASAT? A SUBJECT OF WORLDWIDE IMPORTANCE
Interview with Massimo Getto, Vice President and CFO, VIASAT GROUP


Viasat has set out to beat the crisis by relaunching its business, further strengthening its recognised market leadership through a broad strategy and long-term vision. There is a word for this: internationalisation. Viasat has made this choice, the outcome of a strategy that has led the Group to focus on Italy’s main satellite telematics markets (assistance and theft protection for consumer customers, solutions and services for insurance companies, and advanced fleet management systems for freight and persons) and to replicate this Italian model on the most interesting European markets.

What are the dynamics in play on the infotelematic market?

As we know the Viasat Group operates on the infotelematic market and is bound up with the evolution and development dynamic of this market. The target market is going through a period of major concentration, with smaller operations less able to sustain the investments needed to be competitive leaving the market, merging with others or being bought out. The year 2015 marked a record for merger & acquisition operations and the next few years are set to beat this record.We are therefore witnessing dynamics characteristic of competitive markets with high margins. We are moving from a multiplicity of firms in the pioneering stage of the birth of the market to a few large companies sharing the global market.

What will this consolidation phase bring?

It will see the start of strong price competition, already partly present, which will increasingly lead to the erosion of usual margins. Only those firms that can now identify new growth paradigms and new services will emerge from the period of decline to grasp new opportunities and invigorate the life cycle of their organisations. According to the data at our disposal the Viasat Group is the fifth largest global player for insurance telematics and, with the developments planned for the current year, is about to become the twelfth globally and the third in Europe for fleet management. We are therefore already a globally important firm and yet still with significant scope for growth and development.

The environment described is stimulating. What does it require…?

It requires expert and forward-looking fellow travellers. Only strong, transparent and effective financial communication can ensure this bond with the different realities and entities in the world that converse and interact daily with the Viasat Group. Such communication shows that the firm is taking long-term sustainability seriously, making it a key element in its strategy, decreasing the risks to its reputation and positioning itself as a leader and innovator projecting expectations of success.

Does the decision to embrace the Elite programme of the London Stock Exchange and Italian Stock Exchange fit into this perspective?

Certainly. We need this to deal with the top companies in Italy and Europe and to learn from their best practices, to bolster our cultural strength and be ready to face the capital market on the stock exchange, and to continue growing at a faster rate and with the ambition to become increasingly active globally on our target market. We aim to provide our stakeholders, and not least our employees, a challenging and dynamic environment in which to use their energies and talents, so we can together write the next 40 years of our history, dealing with such a complex and dynamic market.

Se ti piace, condividi!