Viasat esporta il Made in Italy

Intervista con Marco Petrone – CEO di VIASAT SERVICIOS TELEMÁTICOS

Lo sbocco ai mercati internazionali fa parte del naturale percorso di crescita delle aziende. Solitamente dopo il consolidamento sul mercato domestico le aziende di successo ampliano il loro orizzonte verso altri paesi ed altri contesti e così facendo divengono più efficienti, con maggiori dimensioni e maggiormente capaci di creare valore nel medio, lungo periodo. Nel Gruppo Viasat la crescita internazionale viene vissuta come un’opportunità ed una sfida.Viasat sempre più internazionale. Una nuova era per il gruppo?

La nuova era è già iniziata da tempo ma non tutti se ne sono accorti. Le tecnologie satellitari salvano la vita, riducono i sinistri, riducono i costi correlati alla sinistrosità reale e inventata, quelli delle compagnie, quelli dei privati e quelli sociali. Viasat è stata una delle prime società al mondo a diffondere tali tecnologie. Ora il mercato chiede che questo modello d’eccellenza italiano venga replicato all’estero. E le richieste a Viasat affinché esporti la propria eccellenza Made in Italy sono pressanti.

Come intendete muovervi?

Viasat si propone come un’azienda consolidata nel settore della telematica ed in grado di offrire soluzioni “chiavi in mano” in linea con le esigenze del mercato. Siamo l’unica azienda che vanta una esperienza storica in tutti i differenti mercati in cui la telematica satellitare trova applicazione. Flessibilità e capacità di stabilire alleanze solide credo che saranno la chiave della nostra penetrazione in questo mercato.

Crescere all’estero senza rinunciare allo sviluppo delle attività in Italia. Possibile?

Assolutamente si; internazionalizzazione non è sinonimo di delocalizzazione. Ci sono attività che si prestano di più ed altre che si prestano di meno allo spostamento dell’attività produttiva in Paesi caratterizzati da un minor costo della manodopera. Viasat Group produce sistemi altamente innovativi, in cui il costo dell’R&D e il costo dei componenti elettronici fanno praticamente il costo del prodotto. E poi eroga servizi di sicurezza e assistenza attraverso centrali operative proprie, un tema sul quale la qualità incide fortemente sulle dinamiche aziendali. Troppo rischioso e poco vantaggioso in termini di risparmio di costi sarebbe lo spostamento all’estero della produzione. L’internazionalizzazione non può che essere caratterizzata dal traino commerciale alle altre attività presidiate nella filiera.

Le attività strategiche sono realizzate in Italia e sono destinate a rimanere in Italia?

Viasat Group ha l’ambizione di competere con successo a livello globale, grazie agli investimenti in Ricerca e Sviluppo, strutture all’avanguardia e massima attenzione alla qualità dei processi. Una politica che si fonda sulla volontà di reinvestire gli utili progressivamente conseguiti per garantire un costante sviluppo della tecnologia e del business del Gruppo. La forza creativa e innovativa del Gruppo e dell’eccellente team di collaboratori ha creato le premesse per l’assegnazione al fondatore e presidente di Viasat Group, Domenico Petrone, del premio “Imprenditore dell’Anno 2011” di Ernst & Young, istituito negli Stati Uniti d’America per celebrare imprenditori che hanno portato al successo la propria azienda. Nonostante i buoni risultati conseguiti, il Gruppo non si è mai adagiato sugli allori e, pur considerando la complessità del fare impresa in questo Paese, ha avviato diverse iniziative per competere anche a livello globale. Oggi l’azienda ha un Team di Manager all’avanguardia, capace di sviluppare strategie importanti di sviluppo dei canali di business con l’obiettivo di creare un campione mondiale. E le attività strategiche, per rispondere alla sua domanda, sono destinate a rimanere nel nostro Paese.

Intanto la Spagna sembra la vostra “seconda casa” …

È vero. Con Viasat Servicios Telemáticos si rafforza la presenza del gruppo italiano in un territorio dalle forti potenzialità di sviluppo per il mercato dei Location Based Services (LBS) nelle sue tre declinazioni principali: servizi di assistenza e sicurezza per il mercato consumer, servizi di gestione flotte FMS (Fleet Management System) per il mercato business to business, nonché servizi per le assicurazioni e gli automobilisti (Insurance Telematics). Recentemente si è tenuto a Madrid il ventesimo incontro nazionale del settore assicurativo spagnolo. È stata un’occasione importante per far conoscere al quel mercato una grande eccellenza italiana – oltre all’alleanza stretta con Deloitte – per sviluppare la diffusone dell’innovazione telematica. Lo strumento più moderno, efficace ed efficiente per portare ai consumatori più protezione, più sicurezza, più assistenza, più servizi e più risparmio. Come azienda non possiamo che essere orgogliosi di essere percepiti come uno dei pochi operatori specialist presenti sul mercato a livello globale, il cui successo, affidabilità tecnologica e solidità finanziaria gode di una nomea positiva che ci ha addirittura preceduti rispetto all’effettiva apertura di una nostra presenza sul territorio.

Quali sono i segreti del successo di Viasat Group?

Nessun segreto particolare. Ci limitiamo a fare ciò in cui crediamo, ossia diffondere quelle tecnologie telematiche che contribuiscono a rendere questo mondo un po’ migliore. Riducendo il rischio assicurativo e quindi i premi, con relativi risparmi di risorse economiche preziose sia per le compagnie assicurative che per i consumatori; riducendo il numero di auto rubate; riducendo il numero di incidenti e i tempi di soccorso meccanico e medico sulle strade, con relativa riduzione di morti, feriti, costi sociali sanitari; garantendo alle persone protezione e sicurezza. Agendo in questo modo, e comunicando le proprie sincere convinzioni tecnologiche e aziendale, si hanno, tra gli altri, due benefici vitali per un’impresa, ossia attrarre quei clienti che condividono i medesimi valori e convinzioni, e allontanare quelli che ne hanno di diversi.

Un esempio di come etica e business possono andare a braccetto…

È proprio così. Viasat Group è una società che sviluppa tecnologie che rendono questo mondo più trasparente, e un mondo più trasparente implica comportamenti meno opportunistici e più etici, quindi meno orientati al bene del singolo e più orientati al bene della collettività. Quando una compagnia assicurativa, una società di trasporti o un consumatore sceglie di utilizzare le tecnologie Viasat, noi capiamo che custodisce i nostri medesimi valori e obiettivi. E solo con soggetti di questo tipo si può immaginare di costruire rapporti win-win di lunga durata, e quindi il successo di un’impresa. Il Made in Italy può vincere la competizione internazionale? Se il Made in Italy sarà percepito dai mercati come sinonimo di alta qualità, passione per i propri prodotti e servizi, innovazione ed eccellenza certamente le aziende italiane potranno cogliere al meglio le opportunità dei mercati. Inutile sottolineare che per mantenere questi presupposti occorre investire con continuità ed oculatezza in sviluppo tecnologico e coltivare all’interno delle nostre aziende i talenti che ci permetteranno di continuare ad eccellere.

Se ti piace, condividi!