La telematica incide più sui consumi che sulla guida

Uno dei principali criteri che oggi guida le scelte dei responsabili della flotta è la ‘governance dei costi‘.
In un periodo di incertezze economiche, la riduzione delle spese resta l’obiettivo primario. I fleet manager sono sempre più spinti a un’approfondita analisi dei costi e a ripensare la gestione della mobilità aziendale in un’ottica di Tco (Total cost of ownership). Il tutto chiaramente senza compromettere la qualità dei servizi offerti alla clientela.

La telematica e la telemetria a bordo veicolo (ad esempio installando dispositivi come la black box) è una delle tendenze  che i Fleet Manager stanno percorrendo per contenere i costi ma sempre con un occhio attento alla  sicurezza.

Così come ci viene anche detto in un articolo di qualche giorno fa de Il Sole 24Ore.it , dove la giornalista Beatrice Selleri riporta alcuni recenti dati, scaturiti da una indagine effettuata dal Centro studi auto aziendali, sull’uso delle tecnologie al servizio della sicurezza e dell’efficienza delle flotte aziendali…

In Italia, il 76% delle flotte aziendali fa uso di dispositivi o applicazioni telematiche. Il dato emerge da un’indagine pilota effettuata dal Centro studi auto aziendali su un campione rappresentativo di fleet manager di aziende di piccole, medie e grandi dimensioni che operano nel nostro Paese. Ma cosa sono i dispositivi telematici? Stiamo parlando di strumenti per il monitoraggio dei consumi di carburanti o dei chilometri percorsi, per la geolocalizzazione delle vetture, per il controllo delle velocità e dello stile di guida, per il recupero del veicolo oggetto di furto eccetera. Tornando all’indagine sulla telematica nelle flotte, dai risultati emerge che il 44% dei fleet manager intervistati effettuerà, nei prossimi 12 mesi, investimenti in dispositivi telematici.

e ancora …

Utilizzare la telematica sulle flotte significa, dunque, entrare in possesso di una enorme mole di dati che possono aiutare i fleet manager a gestire più efficientemente la propria flotta. Tutti questi dati, però, per essere utilizzati al meglio, necessitano di ulteriori approfondimenti ed analisi.

Nell’indagine sono emersi anche dati interessanti sull’uso della scatola nera che genera ancora alcune diffidenze, ma l’indagine ci dice anche che  …

Per superare questa diffidenza è quindi opportuno che i fleet manager sensibilizzino i loro guidatori a considerare la telematica come un supporto al corretto funzionamento e alla corretta gestione del veicolo, anche dal punto di vista economico ed ambientale, e non come uno strumento di controllo.

Per leggere l’intero articolo, clicca qui.

 

Se ti piace, condividi!