Giachino e Biasotti (F.I.): i veicoli non assicurati sono un pericolo pubblico. Migliorare Decreto Governo

Sono 3,8 milioni le auto prive di assicurazione circolanti in Italia. Veicoli che, dal 15 febbraio prossimo, saranno sottoposte a un nuovo sistema di controlli che sfrutta una piattaforma web in grado di incrociare i dati rilevati da ztl, tutor e pattuglie su strada. E’ quanto annunciato ieri mattina dal sottosegretario ai Trasporti con delega alla sicurezza stradale, Erasmo D’Angelis, durante la presentazione della “Fabbrica della patente“. Un dato preoccupante che riguarda dieci auto su cento attualmente in circolazione senza assicurazione, un record negativo a livello europeo che si riflette su migliaia di italiani onesti che non hanno così la possibilità di accedere al risarcimento dei danni per incidenti stradali, anche in caso di lesioni gravi.

“3,8 milioni di veicoli non assicurati sono un ‘pericolo pubblico’ su cui occorre intervenire con decisione”

rispondono al Sottosegretario D’Angelis il capogruppo di Forza Italia in Commissione trasporti della Camera Sandro Biasotti e Mino Giachino, nuovo responsabile nazionale trasporti e logistica di F.I.,

“anche attraverso iniziative che, utilizzando la telematica a bordo come la scatola nera, portino alla riduzione del costo della assicurazione che, come è noto, è più alta della media europea. Per questo motivo occorre migliorare nettamente l’art. 8 del Decreto Destinazione Italia. L’utilizzo, ad esempio, della scatola nera, oltre a indurre una maggiore attenzione da parte di chi guida e alla riduzione della incidentalità, impedisce le frodi sulle denuncia dei sinistri e, attraverso la riduzione del costo delle assicurazioni, porta alla emersione dei mezzi non assicurati. Ridurre il costo della assicurazione a automobilisti e autotrasportatori, in questo momento, sarebbe un fatto molto importante. Paghiamo purtroppo i ritardi del MISE, che da due anni ritarda l’uscita dei decreti attuativi, e i limiti del Decreto Destinazione Italia”

Se ti piace, condividi!