Con il dispositivo satellitare in meno di 2 minuti dal furto la centrale attiva la Polizia

In Italia diminuiscono i furti d’auto, anche se resta l’emergenza soprattutto in Campania, Lazio e Puglia, le regioni più a rischio. Roma, Napoli e Milano, invece, sono le province più <<gettonate>> dai ladri che si accaniscono soprattutto con le piccole di casa Fiat: Panda, Punto e 500.

Come ci si difende?

Fatto salvo che il fenomeno può interessare anche i parchi auto delle aziende, a partire dalle Pmi, la tecnologia satellitare sembra essere l’unica in grado di contrastare bande sempre più agguerrite e senza scrupoli. Sono questi i titoli principali che emergono dalla 10° edizione della Guida alla Sicurezza Stradale promossa da Viasat Group.

Sul fronte dei recuperi, nel 2014 si sono ritrovate 46.461 auto (il 43% del totale). Il dato è migliore del 41% dell’anno precedente. I numeri  – si legge nella Guida alla Sicurezza di Viasat – confermano come negli anni si sono fatti notevoli passi avanti grazie a tecniche investigative sempre più all’avanguardia e alla sempre maggiore diffusione della telematica satellitare, un <<optional>> ormai irrinunciabile sulle auto piccole o grandi che siano.

<<L’installazione di dispositivi di sicurezza satellitare Viasat – spiega il presidente della società, Domenico Petrone – sono indispensabili per arginare il fenomeno. In caso di allarme, infatti, la Centrale Operativa Viasat attiva le forze dell’ordine in meno di 120 secondi, riuscendo a recuperare il 68% delle auto entro la prima ora dalla segnalazione di furto. Non solo protezione dell’auto, però: chi installa dispositivi satellitari può ottenere consistenti sconti sulla polizza Rc auto>>.

Se ti piace, condividi!